FESTIVAL DEI POPOLI 59 -“Corpo a Corpo”: il dramma umano e l’appartenenza ad una “fede”

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

Mia Immagine

Paolo è un ragazzo tifoso del Brescia rimasto gravemente ferito dopo un pestaggio della polizia dopo la partita tra Verona e Brescia del 2005. Dopo due anni si risveglia dal coma, portando sul corpo i segni di quella giornata. Non è più cooordinato nei movimenti, lui, che allevava tori, scalava le rocce più impervie e la domenica andava allo stadio a tifare la sua squadra del cuore, ed a perso molti dei ricordi della sua "precedente" vita.

Il regista Francesco Corona ha documentato per anni la "rinascita" di Paolo Scaroni e l'ha trasformata in un documentario dal titolo "Corpo a Corpo". Costruito su due piani narrativi, il film entra dolcemente nella vita del ragazzo, mostrandoci un corpo che via via inizia a prendere vigore, pur "offeso" dalla lunga degenza. Accanto a Paolo vi sono i genitori, i paraenti, ma soprattutto gli amici, gli Utras del Brescia, che hanno preso questa vicenda a cuore tanto da diventare priorità rispetto anche all'apppartenenza ad una fede calcistica. Da questo racconto emergono le storie del tifo organizzato, lappartenenza ad una provincia, ad un territorio. La simbologia ultras si fondo e con quella di un uomo malato, entrando l'una dentro l'altra.

"Corpo a Corpo" è un'opera complessa nella sua costruzione, un lavoro durato dodici anni accanto al protagonisti ed ai gruppi Ultras, che il regista ha finimente intarsiato senza sbavature e senza cadere nella retorica e nei luoghi comuni. Corona filma il reale, non lo manipola, non interviene, non si schiera, ma fa pensare e discutere il pubblico che percorre le "spirali" del suo documentario.

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

Mia Immagine