Clicca per leggere:PER IL CASO NAVE JONIO SEMPRE SOTTO SEQUESTRO A LAMPEDUSA E’ INDAGATO ANCHE LUCA CASARINI PER FAVOREGGIAMENTO IMMIGRAZIONE CLANDESTINA

Cerchi un finanziamento? un'agevolazione? utilizza il nostro motore di ricerca:

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
 

Vuoi fare una ricerca più approfondita nella rete? inserisci nel tuo motore di ricerca:  "#adessonews + agevolazione"

esempio: #adessonews finanziamento impresa

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni


Reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina anche a carico del capo missione della Mare Jonio,Luca Casarini.

Mia Immagine

 Lo stesso reato contestato al comandante della nave della ONG Mediterranea Saving Humans ,Pietro Marrone. Inoltre c’è anche l’accusa di non aver ottemperato agli ordini impartiti da una imbarcazione militare della Guardia di Finanza.

quotidiano.net

Figurarsi che cosa gli fanno a Casarini ex leader dei no-global queste accuse….. un baffo, crediamo.

 Infatti già sta pregustando il momento di poter tornare in mare con la sua nave-taxi. “ prima si salvano vite umane,dice, poi si discute del resto”


 Davvero un bel pensiero,semplice,troppo ovvio per essere corretto.

 A volte è quella parola “resto” che invece va presa in considerazione.

 Ma per un “crociato” non è semplice cogliere sfumature di questa portata.

 Ricapitolando: quelli della Mare Jonio sono andati in acque SAR LIBICHE a raccattare un gommone con 49 a bordo,gommone che a detta di loro stava affondando e così senza attendere l’arrivo e l’intervento dei libici li hanno imbarcati sulla Mare Jonio per dirigersi verso Lampedusa

.Nemmeno l’ordine di fermare i motori impartito loro da una nave da guerra della Guardia di Finanza ( pattugliatore ) è stato accolto dal comandante Marrone adducendo il motivo del mare grosso e quindi della possibilità di non poter governare l’imbarcazione mettendo a rischio la vita di chi a bordo.( articolo 1099 del codice navigazione )

Ed ecco il motivo della accuse a capitano e capo missione che la prossima settimana saranno di nuovo sentiti dalla Procura di Agrigento dopo essere stati interrogati per diverse ore nella caserma della Guardia di finanza di Lampedusa.

 La nave Mare Jonio è sotto sequestro probatorio alla fonda nel porto di Lampedusa.

                                                             

 Pronto il ricorso contro questi atti ostili da parte della portavoce di Mediterranea Alessandra Sciurba che ha tenuto a precisare come “loro” ( della ONG n.d.r.) non godano di nessuna immunità.

 Che puntualizzazione….davvero acuta.

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni