Il Diavolo veste Prada: le 5 migliori scene del film cult

Cerchi un finanziamento? un'agevolazione? utilizza il nostro motore di ricerca:

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
 

Vuoi fare una ricerca più approfondita nella rete? inserisci nel tuo motore di ricerca:  "#adessonews + agevolazione"

esempio: #adessonews finanziamento impresa

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

Questa sera alle 21.20 Canale 5 trasmetterà Il diavolo veste Prada, film iconico con Meryl Streep, Anne Hathaway e Emily Blunt

 Sono passati ormai tredici anni dall’uscita nelle sale di questa perla cinematografica e noi non ci siamo ancora stancati di rivederla almeno una volta l’anno. Il diavolo veste Prada racconta la storia di Andrea, una ragazza impacciata e fuori moda che sogna di diventare giornalista, ma che si ritrova quasi per sbaglio a fare l’assistente di una temutissima capo redattrice: Miranda Priestly.

Il film mescola ironia e commedia, si serve di un cast con i fiocchi e aggiunge al tutto una rappresentazione scintillante e spietata del mondo della moda. La ricetta è così ben riuscita che con gli anni Il diavolo veste Prada è diventato un cult senza tempo, una pellicola che difficilmente ci scorderemo. In occasione dell’annuale rewatch su Canale 5, vogliamo ripercorrere con voi alcune delle scene più iconiche.

Mia Immagine

L’ARRIVO IN UFFICIO 

Miranda Priestly è la punta di diamante della fashion industry. È lei che decide se un determinato capo potrà essere indossato durante le sfilate più prestigiose e se potrà comparire nel magazine di cui è capo redattrice: Runway. La sua influenza raggiunge livelli così alti che chiunque accanto a lei è disposto a fare qualunque cosa al costo di compiacerla. Una delle prime scene del film vede Miranda arrivare in ufficio prima del previsto: le sue dipendenti vanno letteralmente in panico solo perché c’è qualche rivista fuori posto o perché non si sono messe bene il rossetto. Un personaggio così complesso necessitava di un’attrice d’eccezione: Meryl Streep accetta la sfida e ci regala una delle migliori interpretazioni di sempre!

CERULEO

Dicevamo che la protagonista del film è Andrea, una ragazza piuttosto semplice, che non si cura del suo aspetto e non ha nessun interesse per la moda (tanto da chiedere se Gabbana si scrive con una o due B). Sorprendentemente ottiene un lavoro come assistente di Miranda e da quel giorno entra in contatto con un mondo a lei sconosciuto, con tutte le difficoltà che questo comporta. Oltre a ricevere delle occhiatacce da manuale per come si veste, durante una riunione riceve il miglior cazziatone della storia dei cazziatoni: vi rimando al video qui sopra perché parla da solo.

HAI UN DISPERATO BISOGNO DI CHANEL

In questa giungla fashion, Andrea trova un amico: Nigel, braccio destro di Miranda, nonché unica persona vagamente empatica nella redazione di Runway. Com’è facile da credere dopo qualche giorno dall’inizio del suo lavoro, “la ragazza sveglia e grassa” (così viene apostrofata da Miranda) cade nello sconforto totale. Ad aiutarla è proprio Nigel, che la porta alla scoperta di un guardaroba da favola colmo di abiti, scarpe e borse dei brand più lussuosi sul mercato, da Manolo Blahnik a Jimmy Choo, passando per – appunto – Chanel. In quella cabina armadio avviene il cambiamento di Andrea: dalla ragazza con la “gonna della nonna” a una vera fashion victim.

IL MANOSCRITTO DI HARRY POTTER 

La svolta fashion di Andrea è un primo passo per entrare nelle grazie di Miranda e conquistarsi qualche diritto in più. Con il passare del tempo, infatti, pare che la temutissima capo redattrice inizi ad apprezzarla. Le sue aspettative, però, vengono deluse così tanto da porre Andrea davanti ad un’impresa impossibile: se non fosse riuscita a recuperare il manoscritto di Harry Potter non ancora pubblicato, l’avrebbe licenziata. Dopo ore di corse folli per Manhattan Andrea riesce a trovare un modo e dimostra finalmente di che pasta è fatta. Il confronto tra le due è esilarante perché si percepisce un grosso cambiamento di potere: Miranda non ha più alcun controllo su Andrea perché la ragazza le ha dimostrato il suo enorme valore.

TU MANGI CARBOIDRATI!

Un personaggio allo stesso tempo insopportabile e divertente è Emily, l’altra assistente di Miranda. È esattamente l’opposto di Andrea: ossessionata dalla moda, ossessionata dalla magrezza, ossessionata dal suo lavoro in Runway, ossessionata da Miranda. Durante il film la vediamo costantemente stressata, sempre sull’orlo di una crisi di nervi e la sentiamo pronunciare frasi assurde come: “Ora mi basta una colite e arrivo al peso forma”. Quando scopre che Andrea prenderà il suo posto come assistente di Miranda durante la fashion week a Parigi, se ne esce con una frase che rimarrà negli annali delle citazioni cinematografiche: “Non è giusto! Tu mangi carboidrati, cristo santo!”.

L’articolo Il Diavolo veste Prada: le 5 migliori scene del film cult sembra essere il primo su My Red Carpet.

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni