Salute

Ambienti stimolanti: la meditazione in casa

La meditazione è una pratica scelta da pochi ma che servirebbe a molti. Se si è dei principianti, la prima cosa da mettere a fuoco è l’ambiente da cui si è circondati, in modo tale che questo sia in piana sinergia con il nostro io. L’atmosfera deve essere suggestiva, stimolante e deve favorire il fluire dei nostri pensieri senza distrarci. Tutto facile con le parole, ma come si fa realmente a spegnere i pensieri creando un ambiente favorevole alla propria spiritualità? Se scegliamo la nostra casa come luogo del relax, allora bisogna munirsi di fragranze e aromi che solletichino l’olfatto: incensi e candele sono tra i migliori alleati per il vostro benessere interiore. Inoltre anche i colori hanno un grande ruolo all’interno dell’attività che state facendo. Dobbiamo solo sintonizzare il nostro corpo alla giusta frequenza.

L’incenso: la suggestione degli odori

L’incenso è da tempo immemore legato ai riti liturgici e alle cerimonie in onore di note santificazioni ma, al contempo, è anche legato al mondo della meditazione. Nasce in Egitto e riesce a creare tra vista e olfatto grandi relazioni: un bastoncino d’incenso brucia creando disegni di fumo magici, portando lo spettatore tra esperienze pacifiche e tranquillizzanti. Recentemente, grazie ad uno studio, si è venuto a scoprire come la pratica del bruciare bastoncini d’incenso, sprigioni alcuni canali ionici nel cervello, capaci di diminuire ansie e depressione. I benefici dell’incenso sono conosciuti soprattutto ai monaci e ai leader spirituali, che cercano sempre soluzioni stimolanti per la preghiera e il raccoglimento. Alcuni aromi sono  addirittura capaci di rallentare la frequenza cardiaca e calmare i nervi, sciogliendo la tensione nei muscoli e agevolando conseguentemente  il processo meditativo.

Le candele: la suggestione della luce

Alternativamente all’incenso si può optare per le candele, coloratissime e reperibili in ogni forma e dimensione. Le candele sono un ottimo modo per rilassarsi ma al contempo per ricordare qualcuno che è venuto a mancare. Accendere una candela ogni qual volta si pensa a qualcuno che non c’è più, crea un clima familiare a d’affetto, in ricordo di qualcosa che ci brucia ancora nel cuore. Clicca qui se qualcuno a cui tenevo molto e venuto a mancare, affinché tu possa dargli un saluto a cui tante candele possono partecipare all’unisono. La luce di una candela è molto delicata e non stanca gli occhi, proprio come la luce solare. Accendere una candela in una buia stanza rende gli angoli gradevoli e sinuosi, grazie alla brillantezza del fuoco che ondeggia rendendo l’ambiente dinamico e caldo. Profumarsi degli odori sprigionati della candela offre un forte senso di calma e invita ad una riflessione che, ogni sera, si dovrebbe portare avanti di fronte ad un buon bicchiere di vino.

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *