Formazione

Allenamento muay thai: in che cosa consiste e quali esercizi comprende?

Tra le molte discipline che hanno negli anni perso sempre più piede c’è il Muay Thai. Il Muay Thai, chiamato anche thai boxe o boxe thailandese, è un vero e proprio sport da combattimento ma fa anche parte delle arti marziali. Rispetto alla semplice boxe o ad un’arte marziale semplice, questo sport unisce le due cose proponendo allenamenti molto particolari, che si adattano a più esigenze e più stili. Ciò che è davvero importante nell’allenamento Muay Thai, è riconoscere il proprio livello e procedere per gradi con l’allenamento. Per questo è fondamentale seguire schede specifiche dove sono presentati tutti gli esercizi.

L’allenamento Muay Thai

Questa particolare disciplina che viene definita anche come “arte delle otto armi” o ” scienza degli otto arti”, propone un’allenamento che combina calci, pugni,ginocchiate e gomitate. In questo modo vengono toccate esattamente 8 parti del corpo durante l’allenamento, rispetto alle sole due parti toccate nel pugilato.

La preparazione atletica è molto importante e faticosa e non è esclusiva. Di pari passo con l’allenamento atletico, va l’allenamento mentale. Fisico e mente devono compensarsi e lavorare in sinergia nel Muay Thai. Queste due parti sono fondamentali nello scontro tra i due avversari ed è quello che fa davvero la differenza rispetto ad altri sport o arti marziali.

La cosa realmente importante quando ci si appresta ad un allenamento Muay Thai, è riconoscere il proprio livello fisico e mentale e allenarsi in base a quello. Bisogna valutare la propria prestanza fisica, le conoscenze tecniche della disciplina e anche l’interesse e soprattutto l’umiltà con cui ci si approccia a quest’arte.

Quali sono gli esercizi

Innanzitutto, chi pratica Muay Thai, fa due sedute di allenamento al giorno. Ogni sessione di allenamento dura circa 2 ore e sarà il preparatore a decidere l’intensità e gli esercizi da eseguire. Esistono comunque delle fasi da rispettare indipendentemente dalla lunghezza dell’allenamento e sono riscaldamento e defaticamento. E’ infatti centrale preparare il corpo all’allenamento con una prima fase di riscaldamento e permettergli poi di tornare nella fase iniziale con un defaticamento per smaltire la fatica accumulata.

Le fasi di allenamento da svolgere, qualunque sia il livello di preparazione di Muay Thai che si ha sono: riscaldamento, shadow boxing, lavoro tecnico al sacco, allenamento ai colpitori, sparring o guanti, clinch, potenziamento con il sacco,, body workout e defaticamento. E’ davvero complicato riuscire ad eseguire tutte le fasi in un solo allenamento se non si è già ad un buon livello, ma l’importante è che la prima e l’ultima vengano eseguite.

Di tutte queste fasi alcune di certo sono dedicate allo studio tecnico vero e proprio della disciplina, come lo shadow boxing. In questo caso ci si allena allo specchio per controllare i movimenti e capire come ci si sta muovendo. Negli altri casi, invece, si alternano diversi movimenti che risvegliano tutto il corpo e che poi permettono di affrontare la sfida della thai boxe.

L’allenamento è intenso ed è volto a potenziare gambe e braccia anche con esercizi di sollevamento pesi o brevi salti con la corda o stretching. Il tutto volto alla preparazione e al rafforzamento muscolare.

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *