Curiosità

Paesaggi cimiteriali: Qual è il significato?

Muoversi all’interno di un cimitero, non è paragonabile al visitare un museo. Spesso rappresenta un’occasione fastidiosa, dolorosa ma allo stesso tempo pieno di fascino e mistero. Questa atmosfera può nascere da differenti fattori. In tal senso, l’architettura cimiteriale ha una responsabilità non indifferente sulla percezione personale che ognuno ha con la morte e con le tante emozioni che circondano questo momento della vita. Differenti cimiteri, se da un lato hanno delle caratteristiche comuni, dall’altro hanno punti divergenti che dipendono principalmente dalla cultura e dal luogo in cui cui lo spazio cimiteriale è nato. Il senso di abbandono che si prova all’interno di molti cimiteri, nella maggio parte dei casi si attribuiscono a condizioni oggettive di collasso dell’ambiente. In Europa, i paesaggi cimiteriali, sono cambiati dai processi di espansione frenetica delle città, ma in che modo?

Nuove frontiere dei cimiteri

Come molte città che vengono sommerse dal cemento, anche tanti cimiteri hanno perso i legami con la loro storia, con la pace e la serenità che avrebbero dovuto trasmettere.  Consapevoli di questo intento, tantissimi paesaggisti e artisti hanno provato, nel corso degli ultimi anni, a reinterpretare il pensiero sulla morte attraverso progetti nuovi. Oggi stanno nascendo spazi per la memoria nuovi, che non usano la forma dell’epitaffio. Spazi d’autore frutto dell’intreccio di più discipline che abbandonano completamente il vecchio e stantio modello de campo santo. Questi nuovi spazi non perdono la sacralità dell’ambiente, ma escono dagli schemi modificando lo spazio per i defunti, in giardini di relax per i vivi. Cimiteri che si aprono al paesaggio, interpretando le nuove esigenze del pubblico.

Il cimitero in Italia

All’interno del nostro paese, è presente una forte tradizione storico-formale, da cui però stanno nascendo nuovi spunti di riflessione affidati al tema della casa, anzi dell’ultima casa. Tutto si basa su canoni estetici che raccontano antichi sepolcri creativi. Questi sepolcri sono capaci di vitalizzare una situazione rimasta immobile per tanto tempo. Purtroppo però in Italia, nonostante il tentativo di innovare, è anche presente un forte disagio. I sistemi cimiteriali sono infatti al collasso e questo è dovuto a mancanza di spazio, problemi igienico sanitari ed esigenze nuove che non vengono soddisfatte (come la riorganizzazione dello spazio. Il nostro stato dovrebbe meglio proiettarsi sulle procedure degli altri paesi dell’unione scegliendo soluzioni tecniche improntate sulla tecnologia.

Accanto ad un cimitero però si accosta l’attività silenziosa delle pompe funebri. Le pompe funebri a Roma, Cattolica San Lorenzo, deve ogni giorno affrontare problemi di natura tecnica e burocratica che riguardano le salme in ingresso. Lavorare su questi aspetti è molto complesso in un momento doloroso e, la mediazione delle agenzie è quanto di più importante c’è nel corso di un lutto.

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *