Tecnologia

Ape Beniculturali: posta web, posta elettronica, circolari, cambio password dimenticata, che cos’è?

Che cosa si intende per Ape Beniculturali? La terminologia indica un attestato di prestazione energetica sugli immobili sottoposti al vincolo paesaggistico e culturale. L’Ape Beniculturali nasce come certificazione posta a controllo sulle compra-vendite degli immobili appartenenti a tale tipologia e all’utilizzo dell’energia elettrica, in relazione al grado di inquinamento in determinate aree.

Certificazione Ape Beniculturali

L’attestato di certificazione Ape Beniculturali comprende gli immobili ubicati all’interno delle aree territoriali poste a vincolo paesaggistico e culturale. In determinate aree l’Ape Beniculturali si occupa della classificazione degli edifici e della prestazione energetica. Per tale valutazione si utilizzano le lettere A e G, indicanti i miglioramenti da apportare al fine di poter diminuire i consumi elettrici.

I proprietari di immobili posti sotto vincolo culturale e paesaggistico devono risultare in possesso dell’attestato di prestazione energetica sia per affittare, sia per vendere la proprietà. La misura del grado di efficienza energetica viene effettuata da alcuni software specifici, sulla base di determinati parametri: infissi, sistemi di riscaldamento, le dimensioni geometriche, la muratura. Per la valutazione di ogni singolo immobile si dovrà richiedere il sopralluogo di un tecnico abilitato, solitamente un architetto oppure un geometra.

Il tecnico che rilascia l’attestato Ape si assume in questo caso la responsabilità civile e la responsabilità penale, apponendo la propria firma digitale all’interno della documentazione. Il costo per il rilascio della certificazione varia a seconda delle dimensioni complessive dell’immobile. Il mancato rispetto di tali quesiti comporta una sanzione amministrativa del valore complessivo variabile a seconda della vendita dell’immobile o della contrattazione d’affitto.

L’Ape Beniculturali è stato progettato per ridurre sensibilmente il livello di inquinamento nei territori posti sotto i vincoli paesaggistici e culturali sopra citati. I proprietari degli immobili potranno, in questo caso, ottenere le detrazioni Irpef per gli interventi di miglioramento energetico.

Posta web e posta elettronica

Le comunicazioni tra il Ministero per i Beni, le Attività Culturali e le utenze possono avvenire tramite il servizio di posta elettronica, indirizzata ai funzionari e ai responsabili tecnici. Tale servizio è denominato per l’appunto APE beniculturali Posta Web, disponibile all’interno del portale ufficiale all’indirizzo www.ape.beniculturali.it.

In seguito all’accesso al sito web si può scegliere tra le voci “APE utenti”, “APE Cargo”, “APE Amministratori” e “Posta web”. Il primo accesso deve essere registrato cliccando su ‘APE utenti’ e ‘nuova richiesta’. All’interno del forum che si aprirà dovranno essere inseriti i dati personali richiesti, compresi i dati dell’istituto di servizio effettivo o sede di assegnazione in caso di amministrazione differente.

Consultare le circolari e cambio password

Su Ape Beniculturali è possibile consultare anche il servizio delle circolari, a riguardo delle ultime notizie inserite sul portale. Per recuperare invece la password smarrita si dovrà procedere contattando il servizio di assistenza, grazie al quale recuperare i propri dati di accesso attraverso un procedimento tuttavia lungo.

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *