E-commerce: i nuovi trend del commercio elettronico

E-commerce: i nuovi trend del commercio elettronico

Internet ha rivoluzionato la nostra società, modernizzando molti settori grazie all’implementazione dei servizi digitali. Dopo un ritardo iniziale anche in Italia è decollato il commercio elettronico, un comparto in forte crescita da alcuni anni.  

Sempre più italiani acquistano online, dai prodotti di elettronica ai farmaci da banco, con un incremento notevole anche per i generi alimentari freschi e a lunga conservazione. Il mercato digitale può rivelarsi una scelta vincente, non solo per i grandi gruppi ma anche per le piccole aziende e i negozi di quartiere.  

Inoltre esistono anche altre forme di e-commerce, come il dropshipping e i business 100% online senza alcuna sede fisica. Ecco quali sono gli ultimi trend e-commerce più interessanti, per capire in quale direzione sta andando il settore. 

Il boom del mobile nel commercio online 

La tendenza più interessante è senza dubbio l’esplosione del mobile shopping, ovvero degli acquisti online realizzati da dispositivi mobili come smartphone e tablet. Questi device sono oggi la prima fonte di traffico web per i siti, non solo per gli e-commerce ma anche per blog, portali editoriali e piattaforme telematiche. 

La percentuale di utenti che usando il telefono per comprare su internet è intorno al 70%, un trend in forte crescita e destinato ad aumentare nei prossimi anni. L’importanza del mobile è ormai sotto gli occhi di tutti, per questo motivo è indispensabile adeguare il proprio negozio online. 

In particolare, per gestire e-commerce moderni e di successo il portale deve essere ottimizzato per la navigazione mobile, altrimenti non sarà in grado di intercettare una buona fetta di mercato. È essenziale che lo store sia responsive, con una versione ad hoc oppure dotato di un’app da utilizzare per device Android e iOS. 

L’interazione diretta tra e-commerce e utenti 

Fino a qualche anno fa molti e-commerce si appoggiavano a social network e marketplace, per interagire con un numero quanto più possibile elevato di persone. Oggi alcuni sistemi non sono più così efficaci, poiché esiste una certa avversione nei confronti di alcuni social media e di grandi gruppi internazionali. 

Molti utenti preferiscono la comunicazione diretta con gli e-commerce, attraverso canali gestiti direttamente dal negozio online, bypassando quelli tradizionali. In questo caso è necessario implementare i canali di interazione con i clienti, tramite servizi di assistenza personalizzati, blog aziendali, email marketing, app per device mobili e SMS. 

Propri i vecchi messaggi di testo risultano più apprezzati rispetto alle notifiche social, in quanto sono meno invasivi e consentono una comunicazione efficiente direttamente con lo store virtuale. In alternativa anche WhatsApp è giudicato positivamente, per ricevere avvisi sulle promozioni, le spedizioni e l’assistenza post-vendita. 

I servizi personalizzati 

Le persone che acquistano online sono sempre più a loro agio con le nuove tecnologie, quindi gli utenti moderni sono diventati estremamente esigenti, richiedendo servizi personalizzati creati in base alle loro esigenze. Si tratta di un fenomeno piuttosto importante oggigiorno, che influenza tutte le fasi del processo, dall’acquisizione clienti alla vendita online. 

È indispensabile offrire all’interno del proprio e-commerce un’esperienza unica ad ogni utente, dalla navigazione nella piattaforma al checkout, fino all’amministrazione del post-vendita con le attività di comunicazione, assistenza e fidelizzazione dei clienti.  

Il web moderno è sempre più personalizzato, infatti le persone non desiderano perdere tempo cercando ciò di cui hanno bisogno, ma vogliono che sia il negozio online ad anticipare le sue necessità. Bisogna essere in grado di proporre il prodotto giusto nel momento migliore, altrimenti il tasso di abbandono sarà elevato.  

L’esperienza di acquisto è visuale 

Fino a qualche anno fa la concorrenza era minima, gli utenti poco esperti e il web era ancora un ambiente che impressionava soltanto per il fatto di esistere. Oggi non è più così, perciò è essenziale stupire gli utenti e offrire loro una vera e propria esperienza visuale personalizzata, sfruttando a proprio vantaggio tutti gli strumenti disponibili. 

Non basta fornire i prodotti che le persone cercano, oppure puntare su prezzi vantaggiosi, poiché chi compra online ha bisogno di qualcosa in più. È fondamentale creare un percorso di acquisto moderno, usando video, tecnologie di realtà aumentata e virtuale, recensioni e attività incentrate sul brand. 

I clienti devono sentirsi in linea con il valori del marchio, sapere esattamente come l’azienda si posiziona e qual è lo status symbol che i prodotti sono in grado di garantire. Dopodiché l’esperienza di acquisto deve essere emozionante, unica e non concludersi semplicemente con il pagamento e la finalizzazione dell’ordine. 

L’integrazione del voice shopping 

Nei nuovi trend e-commerce c’è sicuramente il voice shopping, ovvero l’acquisto online realizzato attraverso assistenti virtuali come Alexa e Google Assistant. Queste tecnologie stanno crescendo sempre più fretta, infatti sebbene negli Stati Uniti siano già una realtà consolidata, in Italia il boom ci sarà probabilmente tra qualche anno. 

Per farsi trovare è necessario rendere il proprio e-commerce responsive, affinché possa supportare questi sistemi e integrarsi nelle nuove tecnologie di voice shopping. L’acquisto con i comandi vocali è completamente diverso rispetto a quello classico, dunque è importante capire come intercettare questo flusso crescente di ordini con la voce. 

In questo caso bisogna ottimizzare il negozio vocale per le ricerche vocali, implementare tecniche SEO per il posizionamento nella voice research e analizzare i comportanti degli utenti. Con i dati si possono ottenere informazioni preziose, per capire come intervenire e rendere lo store online moderno, efficiente e in grado di intercettare tutte le novità del settore. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*