Motori

La cura dell’auto: quali controlli effettuare, quando e perchè

Chi possiede un’automobile sa quanto sia importante effettuare periodicamente i controlli che permettano al mezzo di funzionare sempre al meglio delle sue possibilità. I controlli periodici che è necessario fare affinché il veicolo funzioni sempre al meglio delle sue possibilità sono le revisioni e i tagliandi.

Mentre le revisioni hanno una scadenza ogni 4 anni per i veicoli nuovi e ogni 2 anni per i veicoli più vecchi, i tagliandi variano in base al chilometraggio. Il tagliando, infatti, si basa sul numero di km percorsi dal veicolo e quindi sul consumo, che può variare. Oltre a questi chek up obbligatori, è utile anche far controllare l’auto ogni volta che mostra un qualche problema o prima di un lungo viaggio, per essere sicuri di partire nella massima sicurezza.

Perché fare il check up all’auto

Il check up dell’auto, di qualunque entità esso sia, spesso richiede una buona quantità di denaro. E’ soprattutto il tagliando, in cui vengono controllate tutte le funzionalità della vettura, ad avere un costo solitamente piuttosto elevato.

Tuttavia scegliere di controllare periodicamente la propria auto ed effettuare tutti i check up del caso, è una scelta che paga in molti sensi. Qualora ci fosse un problema sulla vettura o qualche componente fosse particolarmente usurata, verrebbe sostituita immediatamente, evitando eventuali altri problemi futuri che potrebbero compromettere in modo decisamente maggiore il veicolo.

Quali sono i controlli periodici

Alcune parti dell’auto è bene controllarle con una buona frequenza per evitare che succeda qualcosa e che la vettura abbia ulteriori danni. E’ molto importante fare attenzione ad eventuali rumori o vibrazioni inconsuete e contattare immediatamente un meccanico qualora si verificassero.

Oltre a queste eccezionalità, i controlli periodici comprendono: i livelli dei liquidi, i filtri, le sospensioni, i freni e le pasticche, gli scarichi, l’impianto luci, il motore e la cinghia di trasmissione, filtro antipolline e impianto di condizionamento ed infine carrozzeria.

Tutti questi controlli sono fondamentali per un’analisi completa del veicolo per il suo buon funzionamento. Solitamente se qualcosa sfugge al controllo e non funziona come dovrebbe, il meccanico lo comunica al proprietario che decide il da farsi. Solitamente le segnalazioni degli esperti vanno ascoltate ed è meglio cercare di intervenire immediatamente sul veicolo per evitare danni peggiori.

Il problema che si presenta durante un controllo periodico, è spesso un problema iniziale o che comunque può essere gestito nel migliore dei modi e in totale sicurezza. Cosa che molto spesso non può essere fatta se non si effettua un check up programmato dell’auto.

Se si controlla l’auto solamente nel momento in cui si presentano dei problemi, si rischia di arrivare quando ormai la vettura è molto compromessa e necessita un intervento massiccio e spesso anche molto costoso. Intervento che, talvolta, può non essere nemmeno risolutivo o addirittura inefficace.
I controlli periodici servono per viaggiare nella massima sicurezza possibile, ma anche per allungare il tempo di vita del veicolo. Un’auto sempre controllata e curata, è un’auto che verosimilmente potrà accompagnarci per molto tempo, perché viene conservata sempre al massimo delle sue prestazioni.

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *