Salute

Fave: fanno ingrassare? Proprietà, benefici e controindicazioni

La fava dal punto di vista puramente scientifico è una leguminosa e i suoi semi sono contenuti all’interno di un baccello, allo stesso modo di piselli e fagioli. Se esse si mangiano la buccia, allora il loro gusto è amaro, altrimenti quando vengono sbucciate risultano essere fresche e molto dolci. Questo è un alimento dalle molteplici proprietà nutritive e particolarmente indicato in una dieta perché povero di grassi e ottimo per rimettersi in forma..

Proprietà delle fave

Le fave sono particolarmente indicate per chi vuole iniziare una dieta o mantenere la linea, poiché sono composte per l’80% di acqua e contengono pochissimi grassi. Esse contengono un quantitativo di grassi davvero molto basso e sono davvero idonee per chi volesse dimagrire e quindi utilizzarle nella propria dieta. Questo legume è in grado di fornire però degli elementi nutritivi molto importanti per il nostro corpo e per il suo benessere. Le fave contengono elementi come Ferro, Selenio, Rame, Potassio, Magnesio e anche una buona dose di vitamina C.

Il loro alto contenuto di acqua favorisce la diuresi e quindi esse hanno anche proprietà depurative e drenanti; Proprietà che, unite alle fibre presenti in esse, sono importantissime anche per la motilità intestinale. Le fave infatti, sono particolarmente indicate per chi ha problemi di stitichezza e quindi ha la necessità magari di una dieta leggermente variata che aiuti l’evacuazione.

Contenendo anche una buona dose di ferro, esse sono particolarmente indicate per chi soffre di anemia più o meno grave e vengono particolarmente utilizzate nella dieta vegetariana.

Controindicazioni

Se il loro consumo è particolarmente indicato nelle diete ipocaloriche e sono un alimento solitamente adatto, è necessario però sapere che chi soffre di favismo non dovrebbe mangiare questo legume. Il favismo è una malattia causata da una disfunzione che è strettamente connessa al deficit dell’enzima G6PD. Per questo motivo chi possiede questa malattia deve fare molta attenzione al consumo di fave, poiché consumandole, potrebbe andare incontro a sintomi anche con conseguenze molto gravi, come ad esempio l’anemia emolitica.

L’anemia emolitica è la patologia responsabile della rottura e quindi delle emolisi dei globuli rossi da cui scaturisce l’ostruzione dei vasi sanguigni. Per questo motivo è sempre molto importante fare molta attenzione ad un consumo eccessivo di fave. E’ molto importante fare anche attenzione quando si stanno assumendo dei farmaci anticoagulanti. Questo perchè la vitamina K contenuta all’interno di questo legume, ne contrasta l’azione con possibile effetti molto gravi.

Per chi non ha problemi di motilità intestinale e consuma una grande quantità di fave che già di per sé sono lassative, potrebbe andare incontro a fenomeni di dissenteria e meteorismo per nulla simpatici. Questo legume è inoltre sconsigliato per tutti coloro che hanno problemi di diabete poiché esso ha un alto indice glicemico e quindi particolarmente sconsigliato in questi casi.

Le fave hanno sicuramente moltissimi benefici e nella dieta possono costituire una grandissima risorsa per perdere e controllare il peso. Tuttavia è importante  fare attenzione alla quantità che si consuma e ad eventuali patologie pregresse che potrebbero mettere a rischio la nostra salute.

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *