Casa

Come ridurre i consumi della lavatrice: consigli e accorgimenti da seguire

Ormai è impossibile pensare di poter arredare casa senza acquistare una lavatrice, elettrodomestico indispensabile poiché rende la nostra vita assai più semplice. Le lavatrici sono disponibili in diverse capacità, prezzi e modelli, a seconda delle proprie esigenze e nucleo familiare.
Protagonista assoluta in casa tra tutti gli elettrodomestici, la lavatrice è anche responsabile di bollette salatissime. Il consumo elevato dipende soprattutto dal riscaldamento dell’acqua per il lavaggio: è stato calcolato che lavare a 60° richiede un dispendio di energia maggiore del 30% rispetto allo stesso lavaggio fatto a 40°. Solo una piccola percentuale serve ad azionare il motore: è opportuno, quindi, scegliere modelli che possano essere collegati direttamente all’acqua calda.

Per risparmiare energia elettrica è necessario seguire alcuni accorgimenti, sia per evitare inutili sprechi che non solo costano, ma che costituiscono anche un grave danno per la salute del pianeta.

Consigli utili per risparmiare energia elettrica con la lavatrice
Scegliere una lavatrice a basso consumo

La prima cosa da considerare per risparmiare in bolletta è sicuramente la scelta del tipo di lavatrice, sostituendo quelli ormai troppo vecchi e preferendo i nuovi modelli a basso consumo.
Gli elettrodomestici a basso consumo sono quelli che hanno una classe energetica A o superiore (A+, A++ e A+++). Si tratta di lavatrici molto efficienti che, a parità di prestazioni e funzionalità, usano un quantitativo di corrente minimo e garantiscono consumi ridotti. Le lavatrici devono riportare obbligatoriamente l’etichetta energetica: questa permette all’acquirente di sapere a che classe appartengono e di fare una scelta etica e consapevole. In commercio esistono tantissime alternative adatte a tutte le tasche: lavatrici in offerta e a prezzi più che vantaggiosi. Non solo hai l’opportunità di risparmiare nel lungo termine grazie alla classe di efficienza energetica A, ma puoi anche risparmiare fin da subito sull’acquisto.

Concentrare i cicli di lavaggio ed evitare lavaggi a vuoto

Le lavatrici hanno ormai dei cestelli molto ampi che consentono di inserire al loro interno anche 7-8 kg di bucato. Preferire lavaggi a pieno carico ha lo scopo di evitare gli sprechi e di permettere una pulizia più accurata e profonda. Il lavaggio dovrebbe essere impostato anche a basse temperature, che sono quelle che permettono di consumare di meno.

Limitare il quantitativo di detersivo

Quella di utilizzare troppo detersivo è una pessima abitudine. I detersivi chimici sono, innanzitutto, aggressivi e irritanti per la pelle, oltre ad essere dannosi per l’ambiente. In più, necessitano di risciacqui più lunghi per eliminare ogni residuo, con conseguente consumo di energia elettrica. Il detersivo deve essere, quindi, ben dosato: circa 25 ml per 1 kg di bucato.

Non utilizzare il prelavaggio

È preferibile mettere in ammollo i capi in una bacinella e inserirli in un secondo momento in lavatrice, se si ha necessità di trattarli preventivamente, soprattutto se in presenza di macchie ostinate. I cicli di prelavaggio sono infatti dispendiosi dal punto di vista energetico.

Scegliere un programma di lavaggio ecologico o a basse temperature

Le lavatrici moderne, fortunatamente, includono anche lavaggi ecologici che portano l’acqua a una temperatura meno alta e durano più a lungo, lasciando i capi puliti senza danneggiare l’ambiente e consumando meno.

Impostare i lavaggi durante le ore notturne

Nelle ore notturne la tariffa elettrica è inferiore, in quanto è una fascia oraria in cui c’è meno richiesta di elettricità. Programmare i lavaggi in quelle ore può ridurre i costi e pesare meno sul consumo collettivo diurno.

Pulire periodicamente il filtro della lavatrice

Un filtro sporco non permette alla lavatrice di funzionare correttamente. Essendo meno performante, la lavatrice fa più fatica lasciando che venga dispersa dell’energia preziosa. Questi inutili sprechi potrebbero essere di norma evitati se si pulisce periodicamente il filtro, così come le altre componenti dell’elettrodomestico che necessitano di cura e manutenzione costante.

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.