edilizia
Casa

Calcolo volumetria: come si effettua? A che cosa serve?

Quando si tratta di calcoli, sono ben pochi coloro che si cimentano: molto spesso la matematica e, in generale le scienze, vengono radicalmente accantonate in vista della letteratura. Tuttavia conoscere la matematica ci aiuta a risolvere problemi giornalieri, come ad esempio la convenienza di un certo prodotto oppure quanta merce acquistare per soddisfare un dato bisogno. Come avrete capito, quindi, oggi ci occupiamo proprio di calcoli ed in particolar modo del calcolo della volumetria: vediamo insieme come si effettua e a che cosa serve.

Molto spesso, durante il corso della nostra vita, ci scontriamo contro problemi di natura matematica che non riusciamo a risolvere: quante volte, guardando il tracciamento di un pacco, ci siamo imbattuti nel calcolo della volumetria non sapendo effettivamente come calcolarla. Oggi cerchiamo di rispondere a questa domanda, scoprendo l’utilità di questo concetto.

Cos’è

Molto spesso, quando sentiamo parlare di volumetria, non siamo completamente a nostro agio: questo termine non ci risulta familiare, nonostante sia stretto parente del termine volume. Volumetria e volume, infatti, sono dei sinonimi; questo concetto è particolarmente sentito nel campo dell’edilizia dove, calcolare la volumetria di un edificio risulta davvero fondamentale.

Come calcolarlo

Calcolare la volumetria di un edificio, dal punto di vista matematico, è davvero molto semplice in quanto bisogna esclusivamente effettuare una moltiplicazione. Da un punto di vista edilizio si tratta di moltiplicare la superficie utile lorda complessiva dei piani singoli (anche indicata con l’acronimo Sul) per l’altezza interna netta di ciascuno dei piani (anche indicata con l’acronimo Hin).

Cos’è la Sul

Parlare della Sul potrebbe destare ancora qualche problema, quindi cerchiamo di mettere chiarezza: per superficie interna lorda si intende la somma delle superfici delimitate da un perimetro esterno. Il volume, al di fuori della terra, deve avere un’altezza media interna uguale o superiore ai 2,40 metri.

Molto spesso sentiamo parlare anche di volume vuoto per pieno: nell’articolo 3 del D.M. per volume vuoto pieno viene indicata la volumetria complessiva lorda dell’edificio. Questi concetti risultano molto importanti e ferrei nel caso in cui sia necessaria una demolizione.

Normativa legale

Calcolare nella maniera opportuna la volumetria di un edificio risulta davvero fondamentale in quanto si potrebbe incorrere a diversi problemi: quando si ha l’intenzione di costruire un nuovo immobile, il Comune deve avere in possesso tutta la documentazione riguardante la volumetria già impegnata. Fornire dei dati non veritieri, dovuti a calcoli errati, può rappresentare un grave problema proprio perché costruire risulta chiaramente limitato dalla normativa vigente riguardo la volumetria.

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.