impasto
Casa

Pizza forno statico o ventilato: qual è il miglior metodo di cottura? E per quanto deve cuocere

Quando si tratta di cibo, tutti noi siamo molto attenti: mangiare, infatti, si prefigura come uno dei piaceri più grandi della nostra vita. La cucina mediterranea, in particolar modo, è una delle più amate in tutto il mondo; ogni anno migliaia di turisti arrivano in Italia per assaggiare le leccornie che offre la nostra meravigliosa terra. Oggi in particolar modo ci occupiamo di uno dei piatti più amati in tutto il mondo, cioè la pizza: vediamo insieme qual è il metodo migliore per cuocere la pizza, se in forno statico o ventilato e per quanto tempo deve cuocere.

La pizza si prefigura, indubbiamente, come uno dei piatti più amati in tutto il mondo: essa viene riproposta in ogni modo, da ogni nazione, anche in varianti che possono generare il malcontento e l’infarto di ogni italiano. Una delle diatribe che maggiormente viene avanzata è quella che riguarda, appunto, la cottura della pizza; una pizza, infatti, per quanto buono possa risultare l’impasto, non sarà mai abbastanza buona se la cottura non è delle migliori. Entriamo quindi del vivo della guida e scopriamo insieme quali sono le differenze fra questi due tipi di cottura e per quanto tempo debbano cuocere.

Differenze

Per capire al meglio quale sia il metodo migliore di cottura per la pizza, è necessario prima capire quali siano le differenze fra questi due tipi di cottura. Innanzitutto stiamo parlando di due differenti tecnologie per cuocere gli alimenti: molti forni, ormai, si dicono combinati proprio perché permettono la cottura in entrambe le modalità. I forni combinati, infatti, oltre ad essere dotati delle due resistenze tipiche per permettere la cottura statica, dispongono anche di una ventola.

Se il forno statico, quindi, permette la cottura per irraggiamento e cioè riscaldando dapprima la parte alta e poi la parte bassa, in maniera graduale, la cottura con forno ventilato permette la cottura per convenzione, riscaldando il forno in ogni angolo, grazie alla presenza della ventola.

Apprezzamenti

Il forno ventilato si è guadagnato, sin da subito, gli apprezzamenti da parte di tutto il popolo di cuochi, che si cimentano appunto nel mestiere della cucina. Il forno ventilato, oltre a permettere una cottura più profonda, risparmia maggiormente energia: il forno statico, infatti, avendo più resistenze, richiede una corrente maggiore. Tuttavia, il forno statico si prefigura come la modalità di cottura più indicata per cuocere alimenti che necessitano di una lievitazione; il forno, invece, ventilato, è adatto per tutti quegli alimenti che invece richiedono una cottura veloce.

Cottura pizza

Veniamo alla domanda principale di questo articolo: qual è il metodo migliore di cottura per la pizza? Il forno statico si prefigura come il metodo di cottura più adatto per la pizza, pizza che infatti contiene lievito e che quindi richiede una buona ventilazione.

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.