Salute

Digiunare un giorno a settimana: fa bene o fa male?

Il digiuno un giorno alla settimana raccoglie da sempre opinioni contrastanti in merito ai suoi effetti sulla salute. Digiunare una volta alla settimana fa bene o fa male? Per cercare di rispondere correttamente alla domanda bisogna analizzare e approfondire una serie di dettagli. In passato il digiuno veniva associato a proteste politiche, riti e usanze religiose, mentre odiernamente ha assunto una forma popolare, parte soprattutto delle mode sul controllo del peso. Andiamo ad approfondire la questione nel corso dei prossimi paragrafi.

Effetti benefici del digiuno

Il digiuno controllato può presentare diversi effetti benefici per la salute dell’organismo. Il corpo umano entra naturalmente in una fase di digiuno dopo 8-12 ore dall’ultima assunzione di cibo. Digiunare può modificare a tutti gli effetti il processo metabolico dell’organismo, a circa 3-4 ore a seguito del pasto attraverso un processo denominato ‘post assorbimento’.

Il digiuno un giorno alla settimana viene generalmente osservato come un cambiamento dello stile di vita. Senza eccessi il digiuno non provoca grafi effetti collaterali per la salute, dimostrandosi un ottimo metodo per purificare l’organismo dall’accumulo delle tossine. Per brevi periodi di tempo il digiuno disintossica l’organismo e tende ad abbassare i livelli di colesterolo LDL, aumentando quelli del colesterolo HDL.

Digiunare una volta alla settimana, sotto un regime alimentare controllato, aiuta la perdita del grasso, per una perdita di peso lenta ma costante, rafforza il sistema immunitario secondo le ricerche svolte da parte degli scienziati della Università of Southern California. 

Il digiuno controllato stimola le funzioni cerebrali, previene la formazione di inestetismi cutanei, migliora le funzionalità dello stomaco e dell’intestino, migliora la tolleranza al glucosio. Il digiuno intermittente fa bene alla salute, limitando al minimo qualsiasi rischio ed effetto collaterale. Il metodo a intermittenza risulta la pratica migliore per digiunare con consapevolezza e aumentare anche il dimagrimento.

Effetti collaterali del digiuno

Quando il digiuno comporta effetti collaterali e rischi per la salute dell’organismo? Utilizzare il digiuno come fonte primaria per la perdita di peso può comportare diverse controindicazioni per la salute, ma anche sintomi come nausea, spossatezza, vertigini, abbassamento della pressione, mal di testa.

In soggetti malnutriti il digiuno può comportare danni epatici, mentre in caso di condizioni climatiche estreme eccessivamente calde può disidratare ulteriormente l’organismo. Anche digiunare per lunghi periodi di tempo e svolgere attività sportiva intensa comporta effetti collaterali per la salute. Il digiuno deve essere evitato in stato di gravidanza e allattamento per non nuocere alla salute del bambino.

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *