Finocchio in gravidanza
Salute

Finocchio in gravidanza: è salutare? Quanto mangiarne?

Il finocchio è un alimento dalle mille proprietà, oltre che essere adatto alla preparazione di numerosi piatti e tisane. Tuttavia, molte donne evitano il finocchio in gravidanza a causa di una sostanza in esso contenuta conosciuta come estragolo. Molti, infatti, ritengono questa sostanza tossica se assunta in grandi quantità, poiché potrebbe diventare cancerogena.

L’estragolo è un composto organico naturale, contenuto nell’olio essenziale di finocchio, anice, pino, basilico; tale sostanza, se assorbita dalle cellule in grandi quantità, è in grado di modificarne il DNA, rischiando quindi di dare vita a tumori. L’estragolo è dannoso anche in gravidanza, poiché potrebbe incidere direttamente sul feto, dando origine a malformazioni. Tuttavia, affinché tutto ciò accada, devono essere ingerite grosse quantità di questa sostanza. Mangiare un paio di finocchi a settimana, o una tisana al giorno, non genera alcuna tossicità né sul corpo della madre, né in quello del feto.

Pertanto, è possibile beneficiare delle numerose proprietà del finocchio anche in gravidanza, senza aver paura che questo risulti dannoso per il futuro nascituro.

Finocchio in gravidanza: benefici

Il finocchio un ortaggio dalle mille proprietà benefiche tra cui depurative, digestive, e immunostimolanti. In gravidanza è particolarmente indicato proprio per la sua capacità di alleviare il gonfiore causato dai gas intestinali, e per le capacità di stimolare la digestione, cosa che spesso risulta molto difficile da fare per una donna in gravidanza. Inoltre, le sue proprietà immunostimolanti aiutano il fisico a recuperare facilmente dal raffreddore. Infine, assumere finocchio in gravidanza favorisce la produzione di latte nelle ultime settimane di gestazione.

Da tenere conto che il finocchio favorisce l’idratazione del fisico, poiché è composto principalmente da acqua. Apporta anche una discreta quantità di vitamine e sali minerali, tra cui vitamina A, C, vitamine del gruppo B, fosforo, sodio, calcio e potassio.

Quanto finocchio assumere se sei incinta

Appurato che il finocchio può essere assunto durante la gravidanza, bisogna capire quanto se ne può prendere. Infatti, è vero che il finocchio è ricco di sali minerali e vitamine, e che quindi apporta numerosi benefici per il corpo; ma è vero anche che questo ortaggio contiene nel suo olio essenziale l’estragolo, una sostanza che può risultare tossica per l’organismo se assunta in grandi quantità.

Per evitare effetti collaterali è bene non consumare finocchio più di due volte a settimana. Se si preferiscono le tisane al finocchio, queste possono essere consumate un giorno sì e uno no alla cena. Se proprio non si può farne a meno è possibile consumarle anche tutti i giorni, evitando di conseguenza di consumare altre porzioni di finocchio.

Inoltre, è consigliabile consumare questo ortaggio crudo, poiché in questo modo l’estragolo non viene elaborato. Attraverso la cottura, infatti, viene rilasciato l’olio essenziale, e di conseguenza anche l’estragolo. Preferire, inoltre, una buona insalata di finocchio, piuttosto della tisana, poiché risulta più salutare, dando anche senso di sazietà.

 

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *